Assicurazione Moto

Se sei proprietario di una moto devi assicurarla per legge per danni eventualmente provocati a terzi mentre guidi. L'assicurazione di Responsabilità Civile moto copre i danni involontariamente provocati ad altri dalla circolazione del ciclomotore assicurato. Chi circola sprovvisto della polizza RC Moto, rischia il sequestro della moto e una sanzione e, in caso di sinistro, il risarcimento in prima persona dei danni provocati. L'assicurazione moto RC assicura innanzi tutto il valore del motoveicolo contro le richieste di risarcimento di terzi danneggiati per eventi legati alla circolazione del mezzo a due ruote (responsabilità civile moto). I possessori di moto possono scegliere una copertura annuale o temporanea della propria moto, e pagare la polizza moto solo per certi periodi di effettivo utilizzo del mezzo a due ruote. Alla polizza moto di responsabilità civile contro terzi sono associabili altre garanzie accessorie. La copertura furto moto copre i danni materiali prodotti all'assicurato da sottrazione, danneggiamento e distruzione della moto o di sue parti a seguito di furto (totale o parziale) o rapina, anche solo tentati. La garanzia incendio moto copre i danni provocati da incendio non doloso, azione di un fulmine, scoppio o esplosione dell’impianto di alimentazione della moto.

Risparmiare con la polizza a tempo o stagionale

Uno dei migliori metodi per risparmiare sulla assicurazione ciclomotore è quello di stipulare con la compagnia assicuratrice una polizza che garantisca la copertura assicurativa del mezzo per alcuni periodi dell’anno. Questo tipo di polizza è particolarmente adatto per tutti quei clienti che residenti in particolari regioni in cui le condizioni climatiche rendono proibitivo l’utilizzo di un mezzo a due ruote o che semplicemente prevedono di utilizzare il ciclomotore solo per i mesi più caldi dell’anno. Questo tipo di polizza moto è naturalmente conveniente per quanto riguarda il premio da corrispondere ma presenta alcuni piccoli svantaggi. Tra la sospensione e la riattivazione della polizza infatti molte compagnie assicuratrici impongono il passare di un lasso di tempo di almeno 30 giorni al fine di evitare frodi da parte dei clienti. Un altro piccolo svantaggio legato alle polizze temporanee per i ciclomotori è dato dalla non immediatezza di riattivazione della copertura che prevede un attesa di uno o due giorni. Per concludere possiamo consigliare la polizza ciclomotore a tempo solo a quei soggetti che hanno una ferma convinzione di utilizzare il mezzo solo per alcuni mesi all’anno e non fanno leva esclusivamente sul mezzo stesso per i propri spostamenti.